CDA E COMPETENZE

ART. 6

Nomina

  1. Il Consiglio di Amministrazione è costituito da tre componenti, compreso il Presidente.
  2. I componenti del Consiglio sono nominati con provvedimento del Sindaco, secondo i criteri e le modalità stabiliti dal Consiglio Comunale ai senso dell’art.4, fra coloro che hanno una speciale e comprovata competenza amministrativa, per studi compiuti, per attività svolte, per funzioni analoghe svolte presso aziende pubbliche e private.
  3. Il Sindaco, con separato provvedimento, nomina nell’ambito dei componenti il Consiglio di Amministrazione, il Presidente e il vicepresidente.
  4. I componenti del Consiglio di Amministrazione non possono essere Consiglieri comunali né Assessori dell’Ente. I predetti non possono, inoltre, svolgere attività incompatibile con gli scopi connessi alla carica.
  5. Il Consiglio di Amministrazione resta in carica per un periodo corrispondente al mandato del Sindaco che ha provveduto alla nomina, e comunque, fino all’entrata in carica del nuovo Consiglio, continua a svolgere le attività di ordinaria amministrazione allo stesso attribuite. Il Consiglio di Amministrazione decade automaticamente dal ruolo e dalle funzioni in caso di decadenza del Sindaco o in caso di dimissioni espresse dalla maggioranza dei membri componenti l’organo.
  6. Il Consiglio di Amministrazione e i suoi singoli componenti possono essere revocati da parte del Sindaco con provvedimento motivato quando siano state compiute gravi e persistenti violazioni della legge o dello Statuto, ovvero siano state assunte deliberazioni in evidente contrasto con gli indirizzi e le finalità disposte dall’ente locale, o per comprovate ragioni sia venuto meno il rapporto fiduciario tra il Comune e il C.d.A
  7. Nel caso sia necessario sostituire il Presidente o i componenti del Consiglio di Amministrazione, per qualsiasi causa anticipatamente cessati dalla carica, il Sindaco deve procedervi entro 30 giorni dalla cessazione
  8. I componenti il Consiglio di Amministrazione, che sostituiscono i membri anzitempo cessati dalla carica, restano in carica solo per il tempo residuale di durata dell’incarico conferito al predecessore.
  9. La sostituzione ha efficacia a decorrere dalla notifica del provvedimento di nomina ai nuovi soggetti incaricati.

 

ART. 7

Attribuzioni

  1. Il Consiglio di Amministrazione, nei limiti degli indirizzi programmatici assegnati è investito dei più ampi poteri per l’amministrazione ordinaria e straordinaria dell’Azienda, e gli sono conferite tutte le facoltà per l’attuazione e il raggiungimento dei fini istituzionali che non siano per legge, per regolamento e per statuto riservate al Presidente e al Direttore